Facciamo maggiore chiarezza: come funziona Instagram?

By Adam Mosseri

8 giugno 2021

È difficile fidarsi di ciò che non si conosce, per questo vogliamo spiegare meglio come funziona Instagram. Ci sono molte convinzioni errate in proposito e siamo consapevoli di poterci impegnare di più per far comprendere alle persone quello che facciamo. Oggi condividiamo il primo di una serie di post che faranno chiarezza su come funziona la tecnologia di Instagram e in che modo questa influisce sull'esperienza delle persone che usano l'app. Questo primo post cerca di rispondere a domande come "In che modo Instagram decide cosa farmi vedere prima?", "Perché alcuni dei miei post ottengono più visualizzazioni di altri?" e "In che modo Instagram decide cosa mostrarmi in Esplora?"

Che cos'è "l'algoritmo"?

Uno dei miti principali che vogliamo sfatare è quello relativo all'esistenza del cosiddetto "algoritmo". Instagram non usa un unico algoritmo responsabile di ciò che le persone vedono o non vedono nell'app. In realtà ci avvaliamo di diversi algoritmi, classificatori e processi, e ognuno di questi ha una funzione. Vogliamo che tu possa sfruttare il tuo tempo al meglio e crediamo che il modo migliore per aiutarti sia servirci della tecnologia per personalizzare la tua esperienza.

Quando è stato lanciato, nel 2010, Instagram era un unico flusso di foto disposte in ordine cronologico. Quando hanno iniziato a iscriversi più persone, condividendo sempre più contenuti, riuscire a visualizzare tutto (specialmente i contenuti di maggiore interesse) è diventato impossibile per la maggior parte degli utenti. Nel 2016 le persone si perdevano il 70% di tutti i post nel feed, e quasi la metà provenivano dai contatti più stretti. Perciò, abbiamo sviluppato e adottato un feed che classificasse i post in base a cosa ti interessa di più.

Ogni sezione dell'app (il feed, Esplora, Reels) sfrutta il proprio algoritmo, che si adatta al modo in cui viene usato dagli utenti. Ad esempio, le persone tendono a guardare le Storie degli amici più stretti, mentre in Esplora vogliono scoprire contenuti completamente nuovi. Classifichiamo i contenuti in modo diverso nelle varie sezioni dell'app, sulla base dell'uso che ne fanno le persone.

Come classifichiamo il feed e le Storie

Negli anni abbiamo capito che il feed e le Storie sono spazi in cui le persone vogliono vedere i contenuti di amici, familiari e, in generale, dei contatti più stretti. Il funzionamento di qualsiasi algoritmo di classificazione può essere scomposto in alcuni passaggi.

Prima di tutto stabiliamo l'insieme degli oggetti che intendiamo classificare. Nel caso del feed e delle Storie è piuttosto semplice: si tratta di tutti i post recenti pubblicati dalle persone che segui. Con alcune eccezioni, come le inserzioni, la maggior parte dei contenuti che vedi in questi spazi sono stati condivisi dalle persone che segui.

Dopodiché, raccogliamo tutte le informazioni che abbiamo su ciò che è stato pubblicato, sulle persone che hanno creato i post e sulle tue preferenze. Chiamiamo queste informazioni "segnali", che sono migliaia e includono diverse informazioni: dall'orario di condivisione del post, al fatto che tu sia collegato da mobile o computer, fino alla frequenza con cui metti "Mi piace" ai video. I segnali più rilevanti nel feed e nelle Storie, ordinati approssimativamente per importanza, sono:

  • Informazioni sul post. Si tratta sia di segnali sulla popolarità di un post, ad esempio quante persone hanno messo "Mi piace", sia di informazioni più essenziali, ad esempio l'orario in cui è stato pubblicato, la durata (nel caso di un video) o il luogo (se presente).
  • Informazioni sulla persona che ha pubblicato il contenuto. Ci aiutano a farci un'idea su quanto sia interessante per te questa persona, e includono segnali come il numero di volte in cui altre persone hanno interagito con quella persona nelle ultime settimane.
  • La tua attività. Questo ci aiuta a capire cosa potrebbe interessarti e include segnali come il numero di post a cui hai messo "Mi piace".
  • La cronologia delle tue interazioni con qualcuno. Questo ci dà un'idea di quanto, in generale, ti interessano i post di una persona in particolare. Ad esempio, se commentate i vostri post a vicenda.

Sulla base di tutto questo, elaboriamo una serie di previsioni: ipotesi ragionate sulla probabilità che tu interagisca con un post nei modi che hai disposizione, che sono diversi. All'interno del feed, le 5 interazioni che valutiamo di più sono: la probabilità che tu voglia dedicare qualche secondo al post, lasciare un commento, mettere "Mi piace", salvarlo e cliccare sull'immagine del profilo. Maggiore è la probabilità che tu esegua una certa azione, maggiore sarà il valore che le attribuiamo: di conseguenza, più in alto vedrai il post. Con il passare del tempo, aggiungiamo e rimuoviamo segnali e previsioni, cercando di proporti ciò che ti interessa in modo sempre più accurato.

Esistono alcuni casi in cui cerchiamo di considerare altri aspetti. Ad esempio, evitiamo di mostrarti troppi post della stessa persona uno dopo l'altro. Un altro esempio sono le Storie di contenuti "ricondivisi" dal feed, a cui fino a poco tempo fa attribuivamo meno valore perché credevamo che le persone fossero interessate a vedere Storie originali. Con il tempo, abbiamo notato un aumento di post ricondivisi in occasione di momenti importanti, che si trattasse dei Mondiali o episodi di disordini sociali: in queste occasioni le persone si aspettavano che le proprie Storie raggiungessero più persone, e per questo abbiamo cambiato approccio.

Facciamo del nostro meglio per consentire sempre alle persone di esprimersi, ma interveniamo quando qualcuno pubblica contenuti che potrebbero mettere a rischio la sicurezza di altre persone. Abbiamo definito le Linee guida della community, che valgono non solo per il feed e le Storie, ma per Instagram nella sua totalità. La maggior parte di queste regole mira a tutelare la sicurezza delle persone. Se pubblichi un contenuto che viola le nostre Linee guida della community e noi ce ne accorgiamo, lo rimuoviamo. Se ciò avviene ripetutamente, potremmo impedirti di condividere altro e arrivare a sospendere il tuo account. Se ritieni che abbiamo commesso un errore (e può succedere), puoi fare ricorso seguendo questa procedura.

Un altro importante ambito in cui interveniamo è la disinformazione. Se pubblichi un contenuto che è stato etichettato come disinformazione dai fact-checker indipendenti, non lo rimuoviamo, ma applichiamo un'etichetta e mostriamo il post più in basso nel feed e nelle Storie. Se hai pubblicato ripetutamente contenuti di disinformazione, potremmo rendere i tuoi contenuti più difficili da trovare.

In che modo classifichiamo Esplora

Esplora è stato pensato per aiutarti a scoprire nuovi contenuti. La griglia è formata da suggerimenti (foto e video che abbiamo trovato per te) e si distingue molto dal feed e dalle Storie, in cui la maggior parte dei contenuti che vedi proviene dagli account che segui.

Anche in questo caso, la prima cosa che facciamo è definire un insieme dei post da classificare. Per trovare foto e video che potrebbero interessarti, consideriamo alcuni segnali come i post a cui hai messo "Mi piace" o che hai salvato e commentato. Ipotizziamo che tu abbia recentemente messo "Mi piace" alle foto dello chef Cathay Bi di San Francisco, specializzato in ravioli (@dumplingclubsf). A quel punto, scopriamo prima a chi altro piacciono le foto di Cathay e poi quali altri account interessano a queste persone; ad esempio, a chi piace Cathay potrebbe piacere anche il ristorante dim sum di San Francisco @dragonbeaux. In tal caso, la prossima volta che aprirai Esplora, potremmo mostrarti una foto o un video di @dragonbeaux. In pratica: se ti interessano i ravioli potresti vedere post su argomenti correlati, come i gyoza e il dim sum, secondo questa associazione.

Quando abbiamo individuato il gruppo di foto e video che potrebbero interessarti, le ordiniamo sulla base dell'interesse che pensiamo abbiano per te, proprio come classifichiamo il feed e le Storie. Il modo migliore di provare a indovinare quanto ti interessa un contenuto è prevedere la probabilità che tu esegua qualche azione rispetto al post. Le azioni più importanti che prevediamo su Esplora sono "Mi piace", salvataggi e condivisioni. Questi sono i segnali più importanti che consideriamo, ordinati approssimativamente per importanza:

  • Informazioni sul post. Consideriamo quanto un post sembra essere popolare. Si tratta di segnali come la frequenza e la rapidità con cui le persone mettono "Mi piace", commentano, condividono o salvano un post. Questi segnali sono molto più importanti in Esplora che nel feed o nelle Storie.
  • La cronologia delle tue interazioni con la persona che ha pubblicato il post. È altamente probabile che il post in questione sia stato condiviso da qualcuno che non conosci, ma se interagisci con questa persona, ci fai capire quanto possa interessarti quello che ha condiviso.
  • La tua attività. Sono segnali come i post a cui hai messo "Mi piace", che hai salvato o commentato, e le modalità con cui hai interagito con i post di Esplora in passato.
  • Informazioni sulla persona che ha pubblicato il contenuto. Sono segnali come il numero di volte che altri hanno interagito con questa persona nelle ultime settimane e servono a individuare contenuti interessanti, provenienti da tantissimi utenti diversi.

Non seguendo le persone che trovi in Esplora, cambiano le dinamiche nel caso in cui ti imbattessi in contenuti problematici. Se un tuo amico pubblica qualcosa di offensivo e tu lo vedi nel feed, puoi valutare di rivolgerti direttamente al tuo amico. Se vedi qualcosa di offensivo in Esplora proveniente da una persona che non conosci, allora è diverso.

Questo è il motivo per cui, oltre alle nostre Linee guida della community, abbiamo definito regole sui contenuti suggeriti per gli spazi come Esplora. Abbiamo chiamato queste regole Linee guida sui suggerimenti e includono indicazioni come quella di evitare post su temi sensibili o che potrebbero infastidire. Ad esempio, puntiamo a non mostrare in Esplora contenuti che promuovano l'uso di tabacco o sigarette elettroniche.

In che modo classifichiamo Reels

Reels è uno spazio pensato per il tuo intrattenimento. Proprio come in Esplora, la maggior parte di quello che vedi proviene da account che non segui. Di conseguenza, seguiamo una procedura molto simile quando cerchiamo dei reel che potrebbero piacerti, ordinandoli quindi in base a quanto riteniamo siano interessanti per te.

Nel caso di Reels, però, ci concentriamo in particolare su ciò che ti potrebbe intrattenere. Conduciamo sondaggi fra le persone chiedendo loro se trovano un dato reel piacevole o divertente e, dal feedback che riceviamo, impariamo a capire sempre meglio cosa vogliono le persone, con un occhio di riguardo per i creator meno famosi. Le previsioni più importanti che facciamo sono sulla probabilità che guarderai un reel fino alla fine, metterai "Mi piace", lo troverai piacevole o divertente e accederai alla pagina dell'audio (un'indicazione circa la tua eventuale intenzione di creare un tuo reel). Questi sono i segnali più importanti che consideriamo, ordinati approssimativamente per importanza:

  • La tua attività. Consideriamo elementi come i reel a cui hai messo "Mi piace", che hai commentato o con cui hai interagito di recente. Questi segnali ci aiutano a capire quali contenuti potrebbero essere rilevanti per te.
  • La cronologia delle tue interazioni con la persona che ha pubblicato il reel. Come nel caso di Esplora, è probabile che il video in questione sia stato realizzato da qualcuno che non conosci, ma se interagisci con questa persona, ci fai capire quanto possa interessarti quello che ha condiviso.
  • Informazioni sul reel. Si tratta di segnali sul contenuto del video, ad esempio la traccia audio, la sua comprensione da parte dell'apprendimento automatico sulla base di pixel e interi fotogrammi e la popolarità del video.
  • Informazioni sulla persona che ha pubblicato il video. Valutiamo la popolarità per aiutare le persone a trovare contenuti interessanti provenienti da tante persone diverse, offrendo contemporaneamente a tutti la possibilità di trovare un pubblico.

Le stesse Linee guida sui suggerimenti di Esplora valgono per i reel. Evitiamo di suggerire alcuni reel per altri motivi: ad esempio, per la bassa risoluzione o la presenza di un watermark oppure nel caso di reel dedicati a questioni politiche o realizzati da personaggi politici, partiti, funzionari di governo o a loro nome.

Lo "shadowban"

Spesso le persone ci accusano di "shadowban", ovvero di limitare la loro capacità di espressione. Si tratta di un termine molto ampio, usato per riferirsi a esperienze molto diverse riscontrate su Instagram. Ammettiamo di non esserci sempre impegnati abbastanza nel spiegare i motivi per cui rimuoviamo certi contenuti, cosa è consigliabile e cosa no, nonché il funzionamento generale di Instagram. Per questo, sappiamo che è inevitabile che le persone giungano alle proprie conclusioni sulle motivazioni di un certo evento e che possano esserne confuse o sentirsi accusate. Non è mai stata nostra intenzione e ci stiamo impegnando davvero per migliorare. Gestiamo infatti milioni di segnalazioni al giorno e questo significa che anche una minima percentuale di errori va a colpire migliaia di persone.

Siamo inoltre consapevoli che alcuni ritengono che il fatto che i propri post ottengano meno "Mi piace" o commenti sia una forma di "shadowban". Non possiamo prometterti che raggiungerai sempre la stessa quantità di persone con ogni post. La verità è che la maggior parte dei tuoi follower non vedrà ciò che condividi perché la maggior parte di loro guarda meno della metà del proprio feed. Possiamo però essere più trasparenti sulle motivazioni per cui rimuoviamo determinati contenuti, impegnarci a commettere meno errori e rimediare rapidamente a quelli che facciamo, spiegando come funzionano i nostri sistemi. Stiamo sviluppando un sistema migliorato di notifiche in-app, in modo che le persone sappiano immediatamente perché, ad esempio, un loro post è stato rimosso. Stiamo anche cercando altri modi per informare le persone quando un loro post viola le nostre Linee guida sui suggerimenti. Presto avremo altre informazioni in merito da condividere e continueremo ad approfondire questi argomenti nel corso della serie.

In che modo puoi incidere su quello che vedi

Il modo in cui usi Instagram incide significativamente sulle cose che vedi (e quelle che non vedi). Contribuisci a migliorare la tua esperienza semplicemente interagendo con profili e post che ti piacciono, ma ci sono un paio di cose in particolare che puoi fare per incidere su ciò che vedi.

  • Seleziona gli amici più stretti. Seleziona i tuoi amici più stretti nell'ambito delle Storie. Questa impostazione è stata pensata per consentirti di condividere Storie solo con i tuoi contatti più stretti, ma la usiamo anche per dare maggiore priorità a queste persone nel feed e nelle Storie.
  • Silenzia le persone che non ti interessano. Puoi silenziare un account se non vuoi più vedere quello che condivide, ma non hai la certezza di voler smettere di seguirlo del tutto. In questo modo, le persone non sapranno che le hai silenziate.
  • Contrassegna i post consigliati con "Non mi interessa". Ogni volta che vedi un consiglio, che sia in Esplora o nel feed, puoi indicare "Non mi interessa" nel post. Faremo del nostro meglio per non mostrarti più consigli simili in futuro.

Spiegare meglio in che modo classifichiamo, mostriamo e moderiamo i contenuti su Instagram è solo parte dell'equazione. Possiamo fare di più per aiutarti a migliorare la tua esperienza su Instagram in base a quello che ti piace. Dobbiamo inoltre continuare a migliorare la nostra tecnologia di classificazione e, ovviamente, commettere meno errori. Da questo momento in poi, il nostro piano è spiegare preventivamente cosa facciamo nelle 3 sezioni dell'app. Non perderti i prossimi post!

RELATED ARTICLES

Check out more annunci